Mercoledì, 30 Lug 2014

Login



Ritiene utile il servizio offerto da questo sito?
 
Banner

Chi può svolgere l'attività di amministratore di condominio

PDF Stampa E-mail
Scritto da Marco Sabatano   
Mercoledì 28 Ottobre 2009 16:53
Chi può assumere la carica di amministratore di condominio?
Questa è una delle domande che spesso si pone un condomino quando è alla ricerca di un amministratore per il proprio condominio.
La legislazione non prevede delle limitazioni in merito alla figura dell'aministratore di condominio indicando, all'art. 1105 c.c., in merito all'amministrazione nella comunione in generale, che <<Tutti i partecipanti hanno diritto di concorrere nell'amministrazione della cosa comune>>.
Se ne deduce che, quindi, chiunque possa assumere l'incarico di amministratore condominiale, considerato anche l'ultimo comma dell'art. 1105 c.c. e l'art. 65 disp. att. c.c. che prevedono la nomina di un amministratore estraneo al condominio da parte dell'autorità giudiziaria in caso di mancanza del legale rappresentante dei condomini.
Per lungo tempo si è creduto che tale incarico dovesse essere rivestito da una persona fisica vista la natura dell'attività di amministratore di condominio che si accomuna a quella del mandatario.
Tuttavia negli ultimi anni si è visto un sempre più marcato orientamento della giurisprudenza verso l'idea di ammettere la possibilità di esercitare la funzione di amministratore di condominio anche da parte di società, non solo di fatto o di persone (Cass. 25/12/1994 n°11155) ma anche di capitali (Cass. 24/10/2006 n° 22840 e Trib. Milano 18/11/2004 n° 13198).
Si può ampiamente dichiarare che chiunque può svolgere l'attività di amministratore di condominio, indipendentemente dal fatto che sia una persona fisica o giuridica.
In effetti non esiste nemmeno un albo professionale relativo a tale attività. Per cui non è richiesta alcuna certificazione per esercitare la funzione di amministratore di condominio, le uniche caratteristiche richieste sono competenza nel campo della contabilità e capacità di organizzazione unite ad un costante aggiornamento in materia legale/condominiale e, cosa fondamentale, una profonda rettitudine morale.